Quando avevo sedici anni partecipai a un concorso di bellezza. Vinsi una fascia nazionale che mi consegnò Giletti (giuro. È vero). Di quelle settimane di selezione ho un ricordo molto preciso. Ricordo l’imbarazzo.

Mi imbarazzavano i balletti (da cui fui fortunatamente dispensata), mi imbarazzavano le domande (sulla mia qualità risposi: “Non vorrei essere pretenziosa o immodesta ma forse l’intelligenza.” TIÈ.), mi imbarazzavano i costumi (sempre sbagliati e scomodi), mi imbarazzava la giuria (spesso di giornalisti locali e piccole aziende sponsor), mi imbarazzavano i luoghi (discoteche, sagre, centri commerciali, sale conferenze).

Quell’imbarazzo mi è tornato ieri in mente guardando Miss Italia. Se all’epoca tutto mi sembrava già fuori fuoco, oggi i concorsi di bellezza mi sembrano completamente senza senso, completamente bruciati dal tempo. Ieri si respirava tristezza e lo certifica la noia di tutti, da quella del conduttore Facchinetti a quella della giuria, con De Sica in testa: un po’ sconsolato, un po’ paterno, pareva sempre sull’orlo di volersene andare.

In realtà tutti si chiedevano: “Ma cosa sto facendo?” Noi a casa compresi… i primi piani sfuggenti sui culi, il “Facci vedere come ti fai un selfie”, “Davvero Megan Fox è il tuo modello?”. Noi a casa compresi: “Cosa stiamo facendo?” Forse solo le ragazze non se lo chiedevano e proprio i loro sogni fragilissimi – per concezione e forse per destino – intenerivano e ci facevano sentire ancora più colpevoli.

Quale è il senso di cercare una bellezza femminile rappresentativa oggi, nell’epoca – fortunata – in cui le curve, le ossa, i colori, i tatuaggi, le forme, i capelli, la varietà in genera trova dignità di bellezza?
Quale è il senso dell’esibizione del corpo post-adolescente quando l’età è un concetto fluido e evanescente e i post-adolescenti sono fragili come mai nella storia?
Quale è il senso della rampa di lancio quando ormai ci si lancia da sole con Instagram e i social?
Quale è il senso dell’umiliante contentino delle domande (come a dimostrare che sì sono belle ma sono anche capaci di parlare) quando l’intelligenza femminile ha veri spazi per esprimersi altrove?

Nessuno. Miss Italia è decotto e il “disagio del fuori posto” che io sentivo a sedici anni è il “disagio del fuori tempo” che i concorsi di bellezza provocano oggi. Chiuderli equivale a concedere la fine più dignitosa.

1 Comment Miss Italia e l’imbarazzo del “cosa stiamo facendo”

  1. Morgan

    Per mia fortuna ho assistito solo a pochi minuti ed ho percepito soltanto la tristezza di dover continuare a proporre questo concorso nell’indifferenza generale! Chi si ricorda oggi il nome delle vincitrici delle ultime edizioni?

    Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *