La femmina (faunistico/erotico/dispregiativo), preda (venatorio), pussy (international), sbarbina (MilanoDaBere), pollastrella (cinematografico/inverosimile), micia (tenerone), fica o figa (osceno/popular), fregna (volgare), malcapitata (femminista), profumiera (elegante – per dire ‘gatta morta’). O, più semplicemente, la donna.

Alcuni l’hanno conosciuta nella vita reale, ma ci hanno appena parlato. Alcuni l’hanno solo intravista, e non ci hanno scambiato parola. Alcuni l’hanno trovata tra le foto di un amico, e hanno sperato che dal vivo fosse uguale. Alcuni l’hanno scovata scegliendo un nome, quello del loro ideale (“Maria”, “Giovanna”, “Luisella”,…), l’hanno digitato, hanno vagliato i profili corrispondenti. Poi, come tutti gli altri, hanno aggiunta la donna tra gli amici di facebook.

Quindi, hanno tentato l’approccio.

1) Il Cliccatore seriale

Mette ‘mi piace’ a qualsiasi cosa. Grossolano e istintivo. Dalla foto della laurea alla ricetta della nonna per gli strufoli, lui c’è sempre per mostrare consenso e approvazione. E intanto aspetta un messaggio che difficilmente arriverà.
– La donna posta un articolo contro la punteggiatura creativa? Lui mette mi piace anche se è il primo a andarci pesante con puntini e punti esclamativi (es. “…….che bella giornata oggi………….mi sento energico!!!!!!!”).
– La donna posta una canzone dei Manowar? Lui mette mi piace anche se tra le band preferite ha i Modà.
– La donna posta un’immagine “IO ODIO BERLUSCONI”. Lui mette mi piace anche se dieci minuti prima ha condiviso l’articolo “Quando c’era Silvio almeno si pagavano meno tasse e c’erano più gnocche in giro”.

2) Il Birth-Day Dreamer

Un ispettore del compleanno, chirurgico e impeccabile. Tiene sotto controllo la data di nascita di tutti e, quando tocca a una donna che tiene nel mirino, brucia sui tempi migliore amica e sorella sugli auguri.

ore 00.00.10 “Tanti auguri…. sei sempre bellissima”

3) Il Finto tonto

Rara specie che agisce in modo apparentemente raffinato. Finge di sbagliare l’interlocutore in chat, pur non essendo la donna in questione in chat e, tantomeno, nella sua colonna dei contatti di destra.

4 febbraio: “amore miooooooo come stai?
scusa tanto errore…perdono”

4 febbraio: “Nessun problema, ciao.”

22 febbraio: “…amore scusa mi si è bloccata la chat
erroreeeee scusa”

(silenzio)

27 febbraio: “sei stupenda”

(silenzio)

28 febbraio: “scusa scusa errore”

4) Il Ostinazioneèilmionome

Cara amica, ti scrivo. Caro amico, ti schifo.
Si tratta di una versione aggiornata del corteggiatore d’altri tempi. Con questo condivide il glorioso tratto del gentiluomo tenace. Ma ha in più le caratteristiche di una figura sempre più nota: lo stalker.

“Ma sei tu nelle foto?”

“Sì.”

“Sei bella.”

“Grazie.”

“Sei meravigliosa.”

(silenzio)

“Sei meravigliosamente bella.”

(silenzio)

“Sei uno splendore… come faccio a vederti dal vivo?”

(silenzio)

“Mi piaci da morire…”

(silenzio)

“Perché non accetti la mia amicizia?”
(silenzio)

“Perché non l’accetti?”
(silenzio)

“Dove vivi?”
(silenzio)

“Ma tu abiti qui vicino, perché non ti ho mai vista?”

UTENTE BLOCCATO E SEGNALATO

5) Il Foto-amateur

Mipiacemipiacemipiace. A lui piace qualsiasi foto. Da quella “Oh mio dio, se la tolgo sembro scortese. Se la lascio sembro un cesso”; a quella “Sono uno splendore abbagliante, non mi stacco gli occhi di dosso, mi amo”.
In alcuni casi questa specie di abbordatore formato facebook non solo mette il ‘mi piace’ e lascia un commento, ma condivide la foto sulla propria bacheca.

Attenzione alla variante saccheggiatore: chiede l’amicizia, scarica le foto e toglie l’amicizia.

6) Il Monopolizzatore

La bacheca di lei è la sua bacheca. Non la molla. Occupa ogni ora della giornata a onorare e arricchire quel regno impenetrabile del flirt. Come? Postandole video. Predilige tamarrate italiane d’altri tempi. Soprattutto anni ’80. Non ama che altri dileggino le sue dediche. Se qualcuno lascia un post in mezzo alla selva dei suoi omaggi, lui ci commenta sotto con un video.

Invia video anche via messaggio.

7) Il Risoluto

Il mio preferito, uno stacanovista essenziale e determinato che sa come ottimizzare i tempi. Infatti invia il messaggio senza chiedere l’amicizia.

“ciao bella”

Se entro un’ora non riceve risposta, abbandona il bersaglio e passa al successivo:

“ci vediamo”

One shot, one kill. One shot, one buca.

 

—–

Originariamente pubblicato su ilbureau.com

2 Comments Facebook e la fallimentare stagione della caccia

  1. Michele

    Linguaccia!
    Spiritoso e divertente l’articolo (e non ti sto corteggiando), ma, se sono tue esperienze personali sui social, è il prezzo da pagare per la bella presenza e non mi dire che son sessista. Ma è indubbio (lo penso da quando leggo i tuoi post) che sei intelligente e sveglia e ciò spaventa il macho, per tua fortuna.
    Ciao, e complimenti per il sito. Ti leggerò.
    Michele

    Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *